News back to homepage

LAVORO – Obbligo per le aziende di effettuare la comunicazione annuale dei lavoratori somministrati utilizzati nell’anno prec LAVORO – Obbligo per le aziende di effettuare la comunicazione annuale dei lavoratori somministrati utilizzati nell’anno prec

LAVORO

ENTRO IL 31 GENNAIO 2013

OBBLIGO PER LE AZIENDE DI EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI LAVORATORI SOMMINISTRATI UTILIZZATI NEL CORSO DELL’ANNO PRECEDENTE

Ai sensi dell’art 24 c. 4 del D. Lgs 276/03 per le aziende che fanno ricorso al lavoro in somministrazione vige il seguente obbligo:

L’utilizzatore comunica alla rappresentanza sindacale unitaria, ovvero alle rappresentanze aziendali e, in mancanza, alle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale:

a) il numero e i motivi del ricorso alla somministrazione di lavoro prima della stipula del contratto di somministrazione; ove ricorrano motivate ragioni di urgenza e necessità di stipulare il contratto, l’utilizzatore fornisce le predette comunicazioni entro i cinque giorni successivi;

b) ogni dodici mesi, il numero e i motivi dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi, la durata degli stessi, il numero e la qualifica dei lavoratori interessati.

A seguito di un chiarimento Ministeriale l’obbligo dell’utilizzatore è pertanto quello di comunicare :

il numero ed i motivi dei contratti di somministrazione di lavoro conclusi, la durata degli stessi, il numero e la qualifica dei lavoratori interessatialla rappresentanza sindacale unitaria, ovvero alle rappresentanze aziendali e in mancanza alle associazioni territoriali di categoria aderenti alle confederazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale entro  il 31 gennaio dell’anno successivo.

In caso di mancato o non corretto assolvimento dello stesso, trova applicazione la sanzione amministrativa pecuniaria di importo variabile da 250,00 a 1.250,00 euro.

SI RAMMENTA CHE I NS. UFFICI SONO A DISPOSIZIONE PER QUALSIASI CHIARIMENTO IN MERITO

Legge di stabilità 2013 – IVA, Aliq. IMU, IRAP, automezzi promiscui. Cosa cambia Legge di stabilità 2013 – IVA, Aliq. IMU, IRAP, automezzi promiscui. Cosa cambia

La Legga di stabilità ha introdotto modifiche per quanto riguarda:

IVA – aumenterà fino al 22% dal 01.07.2013

IMU – Tutta la comune escluso i fabbr. cat. D

IRAP – Maggiori deduzioni per i rapporti a tempo indeterminato e valori produzioni bassi

Automezzi promiscui – Cala dedudicibilità al 20%

Si allega circolare esplicativa Confartigianato

CIRCOLARE

Lunedì 28 Gennaio – Conferenza di R.ETE. IMPRESE ITALIA Lunedì 28 Gennaio – Conferenza di R.ETE. IMPRESE ITALIA

LA POLITICA NON METTA IN LIQUIDAZIONE LE IMPRESE

 

Con questo incipit viene convocata una conferenza alla quale sono inivitate alla partecipazione tutte le aziende della Provincia di Siena.

L’assemblea sarà tenuta lunedì 28 Gennaio presso la CCIAA in Piazza Matteotti a Siena e avrà inizio alle ore 10:00.

Si chiede massima partecipazione da parte di tutte le imprese.

INAIL Autoliquidazione 2012-2013 i dati arrivano via Pec INAIL Autoliquidazione 2012-2013 i dati arrivano via Pec


INAIL

Autoliquidazione 2012-2013 i dati arrivano via Pec

 

Con la presente si informano tutte le aziende che la novità INAIL per l’autoliquidazione 2012/2013 è il canale Pec (Posta elettronica certificata).

I datori di lavoro che hanno preventivamente comunicato l’indirizzo Pec stanno infatti ricevendo in questi giorni le opportune informazioni dall’Istituto per determinare il premio relativo all’autoliquidazione 2012 e acconto 2013.

Nell’occasione si ricorda che il pagamento della prima o unica rata dell’autoliquidazione INAIL scade in data 18 febbraio 2013.

L’occasione è gradita per ricordare l’importanza di questo nuovo strumento ai fini di tenerlo attivo e monitorato.

 

Convenzione Confartigianato / FIAT Convenzione Confartigianato / FIAT

Condizioni speciali di acquisto dei veicoli commerciali del Marchio FIAT Professional riservate alle Imprese associate alla Confartigianato

FIAT Group Automobiles e Confartigianato Imprese hanno concordato speciali condizioni di trattamento riservate alle Aziende associate alla Confartigianato per l’acquisto di AUTOVEICOLI nuovi del Marchio FIAT PROFESSIONAL a valere per l’anno 2013

Si allega scheda dettaglio scontistica –> SCHEDA

SI RICORDA CHE I NS. UFFICI SONO A DISPOSIZIONE PER QUALSIASI TIPO DI CHIARIMENTO

LAVORO A CHIAMATA NON PIÙ VALIDA LA COMUNICAZIONE TRAMITE FAX LAVORO A CHIAMATA NON PIÙ VALIDA LA COMUNICAZIONE TRAMITE FAX

LAVORO A CHIAMATA
NON PIÙ VALIDA LA COMUNICAZIONE TRAMITE FAX



L’art. 34, comma 54 del Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (c.d. Decreto Sviluppo bis, convertito dalla Legge n. 221 del 17 dicembre 2012) ha modificato la disciplina in materia di lavoro intermittente, eliminando la possibilità che la chiamata del lavoratore possa essere comunicata alla competente Direzione territoriale del lavoro anche mediante FAX (modalità prevista dall’articolo 35, comma 3-bis, del Decreto Legislativo n. 276/2003).

Il datore di lavoro potrà pertanto effettuare la chiamata del lavoro intermittente attraverso tutte le ulteriori modalità: PEC, EMAIL, SMS, WEB.

Per praticità si consiglia alle aziende di seguire la seguente procedura:

Inviare una mail allegando il modello “Comunicazione Obbligatoria Intermittenti”, prima di far iniziare l’attività lavorativa al dipendente, al seguente indirizzo mail: intermittenti@lavoro.gov.it

Tramite questo canale sarà possibile inviare anche una comunicazione di annullamento riferita a singole chiamate comunicate precedentemente.

La Nota del Ministero del Lavoro del 26/11/2012 precisa che non sono previste mail di conferma di ricezione e che , ai fini di dimostrare l’esatto adempimento dell’obbligo, il datore di lavoro dovrà consegnare copia del modello compilato e allegato alla mail inviata.

Si allega modello per la comunicazione lavoro intermittente –> MODELLO

Ufficio Amministrazione del Personale

 

CONTABILITA’ – Numerazione fatture CONTABILITA’ – Numerazione fatture

In base all’articolo 21, comma 2, lettera b), del D.P.R. 26 ottobre 1972,n. 633 – come modificato dall’articolo 1, comma 325, lettera d), della legge 24dicembre 2012, n. 228 – per le operazioni effettuate a partire dal 1° gennaio2013, la fattura deve contenere un “numero progressivo che la identifichi inmodo univoco”.

Per semplificare la ricezione e la corretta applicazione dell’articolo 21, l’Agenzia delle Entrate ha emanato una circolare chiarificatrice che rimettiamo in allegato.

Circolare n. 1/E Agenzia Entrate

SI RICORDA CHE I NS. UFFICI SONO A COMPLETA DISPOSIZIONE PER QUALSIASI CHIARIMENTO

Prorogata di 6 mesi la validità dell’autocertificazione  dei rischi sulla sicurezza sul lavoro Prorogata di 6 mesi la validità dell’autocertificazione dei rischi sulla sicurezza sul lavoro

Le imprese che occupano fino a 10 addetti e che ancora si avvalgono dell’autocertificazione avranno tempo fino al 30 Giugno 2013 per elaborare il DVR

L’art.1, co.388 del recente provvedimento recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (cosiddetta “Legge di Stabilità 2013”), con un emendamento presentato in sede di approvazione definitiva, ha prorogato di 6 mesi la validità dell’autocertificazione della valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori sottoscritta dai datori di lavoro di imprese che occupano fino a 10 addetti, in ottemperanza agli obblighi previsti dal D.lgs.81/2008 (Testo Unico Sicurezza).

Il provvedimento rinvia pertanto dal 31 dicembre 2012 al 30 giugno 2013 la scadenza entro la quale le suddette imprese dovranno obbligatoriamente sostituire il documento di autocertificazione con la redazione di un vero e proprio documento di valutazione dei rischi (DVR), secondo le procedure ordinarie già previste dal D.lgs.81/2008 per le imprese con oltre 10 addetti, o in alternativa secondo le nuove “procedure standardizzate” elaborate dalla Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, ed emanate con il D.M. 30/11/2012.

Lo slittamento di sei mesi dell’obbligo in questione si è reso necessario in considerazione della tardiva pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (avvenuta in data 6/12/2012) del suddetto decreto interministeriale, che oggettivamente non consentiva alle imprese di disporre dei tempi tecnici necessari alla redazione della valutazione.

Ricordiamo, a tal proposito, che la valutazione dei rischi rappresenta il momento centrale della prevenzione degli infortuni sul lavoro ed il D.lgs.81/2008 prevede che il datore di lavoro provveda alla sua elaborazione in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) ed il medico competente, nei casi in chi sia prevista la sorveglianza sanitaria dei lavoratori.

Peraltro per la mancata valutazione il datore di lavoro è punibile con pesanti sanzioni che prevedono l’arresto da 3 a 6 mesi o l’ammenda da € 2.500 a € 6.400.

In relazione alla nuova scadenza, le imprese che avevano già espresso la volontà di farsi assistere dal ns.  servizio ambiente e sicurezza per la predisposizione del nuovo DVR saranno ricontattate nelle prossime settimane dai ns. uffici per la definizione della pratica.

Coloro che ancora non lo hanno fatto, per avere informazioni ed un preventivo, potranno rivolgersi alla sede di Siena (tel. 0577-225925).

 

AUTOTRASPORTO – Divieti di circolazione 2013 AUTOTRASPORTO – Divieti di circolazione 2013

In allegato  il testo del DM n. 448 del 06/12/2012 pubblicato  in Gazzetta Ufficiale e avente per oggetto le direttive e il calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati dei veicoli e dei complessi di veicoli per il trasporto di cose, aventi massa complessiva massima autorizzata superiore a 7,5 t, per l’anno 2013.

Il  DM in questione entrerà in vigore il 1 gennaio 2013.

 

Clicca qui per aprire il testo con le date

 

Confartigianato Siena - Via dell’Artigianato, 2 - 53100 SIENA - C.F.: 80002900522