ADDIO AI SACCHETTI DI PLASTICA. OBBLIGATORIO L’USO DELLE BUSTE BIODEGRADABILI

 

 

A partire dal 1 Gennaio 2018 i sacchetti di plastica forniti come imballaggio diretto per alimenti sfusi (come ad esempio frutta e verdura), dovranno essere sostituiti da sacchetti biodegradabili ceduti esclusivamente a pagamento.

Tutte le buste, anche i sacchi leggeri e ultraleggeri utilizzati nei reparti ortofrutta, gastronomia, macelleria, pescheria e panetteria, dovranno essere biodegradabili e compostabili con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile del 40%. In più, dovranno essere distribuiti esclusivamente a pagamento, quindi con costi totalmente a carico dei consumatori finali, che si troveranno la voce relativa al costo dei sacchetti utilizzati nello scontrino della spesa.

Dal 1 Gennaio 2018 scatteranno anche pesanti sanzioni per i rivenditori: chi commercializza borsette che non corrispondono alle caratteristiche previste, rischia una sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 25.000 Euro.

Possono liberamente circolare, fatto salvo l’obbligo di cessione a titolo oneroso, quindi con il divieto di cederli gratuitamente 4 diversi tipi di shopper per il trasporto:

  • Le borse di plastica in materiale ultraleggero di spessore inferiore a 15 micron ovvero quelle tipicamente usate per motivi di igiene alimentare (come avvolgere il pesce venduto al banco) o come imballaggio primario per alimenti sfusi, quali ad esempio la frutta e verdura. Poiché parliamo di borse di plastica a contatto con gli alimenti, anche per motivi di igiene, il Legislatore fa comunque salva la disciplina sulla conformità alla normativa sull’utilizzo dei Materiali destinati al contatto con gli alimenti (M.O.C.A) nonché il divieto di utilizzare la plastica riciclata per le borse destinate al contatto alimentare.
  • Le borse di plastica biodegradabili e compostabili secondo i requisiti dello standard UNI EN 13432:2002. Biodegradabile non necessariamente equivale a compostabile: la legge richiede, invece, specifici requisiti proprio di compostabilità. Quindi un sacchetto potrebbe essere dichiarato in senso lato “biodegradabile”, ma non essere a norma. Per capire se un sacchetto è legale o meno, bisogna leggere l’etichetta. I bioshopper conformi alla norma recano indicazioni che contengono termini quali “compostabile” e “rispetta la norma UNI EN 13432
  • Le borse di plastica riutilizzabili con maniglia esterna con spessore della singola parete superiore a 200 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30% fornite, come imballaggio per il trasporto di generi alimentari. Per il trasporto di prodotti diversi da generi alimentari lo spessore della singola parete dovrà essere superiore a 100 micron e contenente una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10%.
  • Le borse di plastica riutilizzabili con maniglia interna con spessore della singola parete superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30%, fornite, come imballaggio per il trasporto di generi alimentari. Per il trasporto di prodotti diversi da generi alimentari, lo spessore della singola parete dovrà essere superiore a 60 micron e contenente una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10%.

Inoltre:

  • I sacchetti vecchi, se sono fuori norma e non soddisfano le specifiche tecniche prescritte, non possono essere utilizzati fino ad esaurimento scorte ma devono essere smaltiti. Il periodo transitorio che intercorre tra emanazione della legge ed entrata in vigore è già trascorso con il 1/1/2018;
  • Per quanto riguarda la vendita dei sacchetti, non c’è un prezzo obbligatorio di vendita; esso viene stabilito liberamente dal venditore, tanto che si incontrano legittimamente sul mercato prezzi differenti per lo stesso tipo di oggetto. E’ obbligatorio inserire nello scontrino fiscale, a fronte della vendita di un prodotto anche non alimentare, il prezzo dei sacchetti ultraleggeri utilizzati per trasportare qualsiasi prodotto. Tale prezzo deve risultare dallo scontrino e deve essere scorporato dall’importo della merce acquistata;
  • I sacchetti di plastica forata utilizzati per la protezione del pane, esulano dal campo di applicazione della norma. L’involucro trasparente utilizzato per prodotti da forno (es. biscotti) non è soggetto a prezzatura obbligatoria;
  • I calzolai, non avendo l’obbligo di emettere scontrino, dovranno comunque far pagare le buste ai clienti conformemente alla normativa;
  • Il cliente può utilizzare le proprie borse ad eccezion fatta delle buste ultrallegere che per ragioni sanitarie devono essere monouso e quindi non riutilizzabili.

Tutti gli operatori dovranno prestare grande attenzione in fase di acquisto dei sacchetti; si consiglia di ottenere dai fornitori la garanzia scritta che i prodotti ordinati siano conformi a quanto disposto dalla nuova normativa.

 

Altri articolitorna alla home

IV^ FESTA DEL PENSIONATO ANAP – Montecatini Terme 6 Ottobre 2018

IV^ FESTA DEL PENSIONATO ANAP – Montecatini Terme 6 Ottobre 2018

Si è svolta il 6 ottobre a Montecatini Terme al pala congressi, la 4° festa del pensionato ANAP della Confartigianato – la provincia di Siena era presente con i propri soci e sono stati premiati con il titolo di Maestri d’Opera e d’Esperienza: BRUNI GUIDO MENICONI FABRIZIO MAGLIONI FRANCO FERRIERI CLAUDIO Share the post “IV^

Contributi digitali voucher  I4.0 CCIAA SIENA  Anno 2018

Contributi digitali voucher I4.0 CCIAA SIENA Anno 2018

La Camera di Commercio di Siena, è parte integrante del network “Punto Impresa Digitale” (PID), previsto dal Piano Nazionale Impresa 4.0 per diffondere  a livello locale la conoscenza di base sulle tecnologie 4.0, aiutando così le MPMI a migliorare il proprio livello di digitalizzazione.   Il contributo si riferisce ad attività di CONSULENZA e FORMAZIONE

ARTIGIANATO & APERITIVO – Buon successo del secondo appuntamento

ARTIGIANATO & APERITIVO – Buon successo del secondo appuntamento

In data 3 ottobre si è svolto, con successo  il  secondo appuntamento  ARTIGIANATO & Aperitivo  con itinerario nelle vie e vicoli senesi per scoprire un altra Siena. Partenza dalla Piazza del Campo per addentrarsi per le via del centro fino ad arrivare a fare tappa presso la bottega artigiana del IL GALEONE  ditta Associata alla

L’obbligo della fattura elettronica  a partire dal 01 gennaio 2019

L’obbligo della fattura elettronica a partire dal 01 gennaio 2019

Sei preoccupato come far fronte al nuovo adempimento, è normale, ci stupiremmo del contrario Confartigianato Siena  ha imparato negli anni ad accompagnare i propri soci titolari di azienda come te, nel percorso di cambiamento,  gestendo per te il servizio “chiavi in mano”. Con il software di Fatturazione Elettronica Zucchetti in dotazione alla Confartigianato  di Siena

FORMAZIONE – Corso di formazione come PREPOSTO

FORMAZIONE – Corso di formazione come PREPOSTO

Confartigianato propone per le ditte associate il corso di Formazione in materia di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro rivolto alla figura di PREPOSTO.   Definizione di Preposto: lavoratore/i che in ragione delle competenze professionali e nei limiti dei poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura degli incarichi conferiti, attua le direttive ricevute, controllandone la corretta

leggi tutto
Confartigianato Siena - Via dell’Artigianato, 2 - 53100 SIENA - C.F.: 80002900522