Ato Rifiuti Toscana sud e gestione Sei Toscana i numeri di una sconvenienza economica

Comunicato stampa, 13 marzo 2017

Studio del Centro Studi Sintesi di Mestre per conto di Rete Imprese Italia Siena: i risultati

Ato Rifiuti Toscana sud e gestione Sei Toscana i numeri di una sconvenienza economica

Raccolta Differenziata in calo ma costi fissi, costi di smaltimento e dirigenti in crescita

Provincie di Arezzo, Grosseto e Siena, territorio di competenza dell’ATO Rifiuti Toscana Sud, periodo 2013-2015: i rifiuti pro capite calano dell’8,6% e la raccolta differenziata del 6%, mentre su scala nazionale cresce del’11%%. Parallelamente, in soli due anni (2013-15) i costi unitari di smaltimento crescono del 20%, la spesa pro capite dell’11,3% e la spesa per tonnellata del 12.6%. Sono alcuni dei dati evidenziati in “Valutazione della nuova modalità di gestione del servizio di asporto rifiuti nell’Ato Toscana sud”, lo studio condotto dal Centro Studi Sintesi di Mestre per conto di Rete Imprese Italia – Siena.

Il contesto. Una gestione che dal 2014 è svolta da Sei Toscana, incaricato unico del servizio per 106 comuni, 878.000 abitanti e 12.000 kmq. In questo ambito, secondo Sintesi, i costi sostenuti dai cittadini hanno raggiunto livelli superiori alle medie nazionali e regionali, a differenza di quanto accadeva in precedenza: nel 2013, i valori risultavano inferiori rispettivamente del 13 % rispetto alla media Toscana, e del 6 % rispetto a quella italiana.

Costi fissi in aumento e performance in flessione. L’analisi della gestione pre e post Sei Toscana effettuata dal Centro Studi evidenzia una crescente incidenza dei costi fissi, passati dal 35,8% al 64,4%, con conseguenti ripercussioni sul calcolo della Tariffa rifiuti (TARI) applicata su cittadini e imprese. Viceversa, le performance gestionali (valutate su indicatori medi) flettono: quantità gestita di rifiuti per mezzo impiegato (-19%), persone servite (-19%), e tonnellate gestite (-23%) per singolo addetto. Anche perché parallelamente crescono dipendenti (da 895 a 998) e posizioni dirigenziali (da 4 a 6, + 50 %).

Paradossi e limiti della gestione unitaria. Sintesi evidenzia anche un valore della produzione in aumento del 12,9%, nonostante il calo del 4 % nella produzione di rifiuti; ed un aumento dei costi unitari di smaltimento del 20% (da 282 euro per tonnellata del 2014 a 339 euro per tonnellata nel 2015), con un aggravio generale di costi di gestione della società del 15%. La riclassificazione del bilancio con i valori relativi al 2014 e 2015 evidenzia un peggioramento di quasi tutte le voci considerate, in particolare quelle relative all’efficienza della gestione di impresa. Lo studio deduce quindi i limiti mostrati dalla gestione unica: la mancanza di una strategia innovativa nella gestione dei rifiuti, la determinazione ex ante (nel bando di gara) delle tariffe, la mancanza di relazione economica tra i costi sostenuti dal cittadino e il corretto comportamento di quest’ultimo. Oltre a questo, la presenza di un gestore unico non ha limitato le disparità tariffarie esistenti tra i diversi comuni del territorio servito, e negli anni si è registrato un incremento diversificato e in alcuni casi molto rilevante del costo del servizio.

Il messaggio dello Studio. “Era la fine del 2014 quando per la prima volta definimmo un ‘grande pasticcio’ la situazione che si stava profilando – ricorda Carlo Conforti, Presidente di turno di Rete Imprese Italia Siena – l’effetto evidente della nuova gestione unica era un pesante e generalizzato aumento di tariffe. Lo studio di Sintesi non fa che avvalorare l’impressione di fondo, e cioè una sostanziale abdicazione dell’ATO rifiuti rispetto al ruolo di indirizzo e controllo di cui era investito. E come conseguenza, l’attuazione di scelte operative che, al di là dei risvolti giudiziari nel frattempo emersi, non sono andate certo incontro alle esigenze della gran parte di cittadini e imprese. Un’occasione di efficientamento e risparmio è stata pesantemente vanificata. Il primo obiettivo di questo studio è far sì che questo non si ripeta”.

L’occasione della presentazione del lavoro di Sintesi, avvenuta oggi, ha coinciso anche con il previsto passaggio di testimone ai vertici di Rete Imprese Italia Siena, il coordinamento delle associazioni del commercio turismo e terziario (Confartigianato, Confcommercio, Cna e Confesercenti): a Carlo Conforti (Presidente) e Gabriele Carapelli (Direttore) succedono rispettivamente Mario Cerri e Valter Fucecchi.

 

RACCOLTA DIFFERENZIATA 2013

39,1 %

2015

36,7 %

VARIAZIONE *

- 6,1 %

COSTI FISSI PRIMA di SEI TOSCANA

35,8%

 

DOPO SEI TOSCANA

64,4 %

VARIAZIONE *

+ 90,7 %

DIRIGENTI PRIMA di SEI TOSCANA

4

 

DOPO SEI TOSCANA

6

VARIAZIONE

+ 50%

COSTI SMALTIMENTO 2014

282 €/tonnellata

 

2015

339 €/tonnellata

VARIAZIONE

+ 20 %

*=incidenza della variazione sul dato di partenza                               Fonte: Elaborazioni Centro Studi Sintesi.

 

Cos’è il Centro Studi Sintesi. Attraverso la sua attività di studio e ricerca, Sintesi costituisce un punto di riferimento su temi percepiti dalla collettività come strategici e legati prevalentemente al territorio. Con sede a Mestre (VE), il Centro Studi Sintesi si costituisce di un gruppo di ricercatori e collabora con istituzioni pubbliche e private, con il mondo associativo piuttosto che con quello legato ai lavoratori e alle piccole imprese, svolgendo attività di studio, ricerca, assistenza tecnica e progettuale. Altre info su:  www.centrostudisintesi.com .

 

Il perimetro dello studio. Lo studio condotto per conto di Rete Imprese Italia ha posto come obiettivo la valutazione della nuova modalità di gestione del servizio di asporto rifiuti svolto da SEI Toscana, gestore unico dei rifiuti nella zona ATO Toscana Sud (Arezzo, Grosseto, Siena). Il tema alla base dell’indagine è valutare la gestione societaria sotto il profilo della convenienza economica di questo nuovo assetto gestionale per i comuni, i cittadini e le imprese. Lo studio analizza l’operatività di SEI Toscana mediante una analisi quantitativa, realizzata anche con la costruzione di indicatori di performance e di risultato, integrando i dati con le analisi dei bilanci relativi agli esercizi 2014 e 2015.

Il contesto di riferimento. L’ATO Toscana Sud (106 comuni, 878.000 abitanti e una superficie di 12.063 km² pari a circa la metà dell’intero territorio della Regione Toscana) ha indetto un bando per la gestione unica dei rifiuti al fine di razionalizzare gli investimenti, attivare economie di scala e contenere i costi a carico dei contribuenti, ovvero rendere maggiormente efficace ed efficiente la gestione dei rifiuti. Il  bando è stato vinto da SEI Toscana, entità derivata dalla fusione di una pluralità di società, la quale ha l’onere di gestire in maniera integrata l’intera filiera dei rifiuti per i prossimi 20 anni a partire dal 2014. Su tale gara  è stata recentemente aperta un’inchiesta per turbativa d’asta.

Per contatti stampa:

Confcommercio Siena - Susanna Salvadori -  cell: 335 1979771 – e-mail: susannasalvadori@gmail.com

Ufficio Stampa e Comunicazione  Confesercenti Siena – Tel 0577/252226 347/7617418  notizie@confesercenti.siena.it

Cna Siena – Raffaello Ginanneschi – tel. 339 8493570 – lello.ginanneschi@cnasiena.it

Si allega presentazione slide relativa ai dati elaborati (clicca qui)

 

Altri articolitorna alla home

PAGAMENTI PA/Analisi Confartigianato

PAGAMENTI PA/Analisi Confartigianato

Debiti Pa verso imprese valgono 3% del Pil. Il 62% degli Enti pubblici non rispetta termini di legge Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato: “Si attui compensazione debiti-crediti per imprese fornitrici” Molise e Catanzaro i peggiori pagatori. Bolzano, Mantova e Sondrio i più virtuosi “L’Italia ha il record negativo in Europa per il maggiore debito commerciale

Osservatorio economico provinciale e Report trimestrale della CCIAA Siena

Osservatorio economico provinciale e Report trimestrale della CCIAA Siena

Si informa che è uscito il report trimestrale aprile/giugno 2017 (che si trasmette in allegato e consultabile al seguente link https://www.si.camcom.gov.it/uploads/publisher/5373-report-2-2017.pdf) dell’Osservatorio Economico Provinciale della Camera di Commercio Siena dove si illustra lo stato di salute dell’economia locale e dove le Associazioni di Categoria hanno l’occasione di rendere note le loro percezioni per il quarto

ANAP – Multienergia il consorzio per il libero mercato dell’energia

ANAP – Multienergia il consorzio per il libero mercato dell’energia

Un nuovo servizio per le famiglie è nato in Confartigianato ed è particolarmente indicato per tutti i soci Anap. Si tratta del Consorzio Multienergia che Confartigianato ha creato oltre 15 anni fà,  per le forniture di Energia Elettrica e Gas delle aziende e che da qualche mese, offre la propria serietà e trasparenza anche alle

PREMIO INNOVAZIONE TOSCANA – On Line il bando regionale

PREMIO INNOVAZIONE TOSCANA – On Line il bando regionale

INDETTO IL BANDO PER IL “PREMIO INNOVAZIONE TOSCANA” Il Consiglio Regionale della Toscana, Anci Toscana, Confindustria Toscana, Rete Imprese Italia Toscana, Unioncamere Toscana, al fine di sostenere e valorizzare la ricerca e l’innovazione tecnologica e digitale delle imprese toscane, promuovendo al contempo l’iniziativa giovanile e il potenziale innovativo del territorio, organizzano il Premio Innovazione Toscana,

Festa del pensionato ANAP – Lucca 7 Ottobre 2017 – I premiati per Siena

Festa del pensionato ANAP – Lucca 7 Ottobre 2017 – I premiati per Siena

DIPLOMA “MAESTRO D’OPERA ED ESPERIENZA” “terza Festa Regionale del Socio  sabato 7 ottobre 2017, organizzata dal  Gruppo regionale Anap Confartigianato Toscana, presso Teatro Pucciniano -  Torre del Lago (LU). L’evento, volto a festeggiare i soci Anap, è  iniziato  alle ore 9 con la Santa Messa, celebrata da S.E. Arciv. di Lucca, Mons. Italo Castellani. Il

leggi tutto
Confartigianato Siena - Via dell’Artigianato, 2 - 53100 SIENA - C.F.: 80002900522