CORONAVIRUS – Sospensione e proroghe per versamenti e adempimenti tributari e contributivi

Dopo il comunicato stampa del Ministero dell’economia e delle finanze del 13 marzo 2020 che anticipava la proroga dei versamenti, oggi il Consiglio dei Ministri ha varato il Decreto Legge che contiene lo spostamento delle date. In attesa del testo ufficiale del Decreto, il nuovo calendario dovrebbe essere il seguente:

VERSAMENTI TRIBUTARI E CONTRIBUTIVI: PROROGA AL 20 MARZO E AL 31 MAGGIO 2020

• Per tutti i contribuenti i versamenti tributari e contributivi che scadono il 16 marzo vanno effettuati ENTRO IL 20 MARZO 2020.

• Per i contribuenti con un volume d’affari del 2019 sino a 2 milioni di euro, i versamenti delle ritenute da lavoro dipendente ed assimilati, dell’IVA e dei contributi previdenziali ed assistenziali ed INAIL, che scadono tra il 16 marzo 2020 e il 31 marzo 2020, vanno effettuati ENTRO IL 31 MAGGIO 2020, con una possibile rateazione in 5 rate mensili. 1/3

• Per i soggetti della zona rossa individuati con il DM 1° marzo 2020 continuano a valere le sospensioni disposte con il DM 24 febbraio 2020. I tributi e contributi sospesi vanno versati ENTRO IL 31 MAGGIO 2020. ADEMPIMENTI TRIBUTARI. PROROGA AL 30 GIUGNO 2020

• Per tutti i contribuenti sono sospesi gli adempimenti tributari, diversi dai versamenti, che scadono entro il 31 maggio 2020. Gli adempimenti sospesi vanno eseguiti ENTRO IL 30 GIUGNO 2020.

VERSAMENTI PER SPECIFICHE ATTIVITA’: PROROGA AL 31 MAGGIO 2020

Viene estesa la disposizione di cui all’art. 8 del D.L. n. 9/2020 che prevede la sospensione del versamento delle ritenute per lavoro dipendente e assimilato operate sino al 30 aprile 2020. In pratica, i soggetti indicati nell’articolo 8 procederanno ad operare le ritenute ai propri dipendenti, ma non dovranno provvedere al versamento delle stesse che verrà effettuato in unica soluzione ENTRO IL 31 MAGGIO 2020. L’articolo 8 si applicava solo alle imprese del settore del turismo e dell’accoglienza, alle strutture ricettive, nonché alle agenzie di viaggio e ai dei tour operator.

Con il nuovo DL la disciplina viene estesa anche a:

1. associazioni e società sportive, professionistiche e dilettantistiche, nonché soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, club e strutture per danza, fitness e culturismo, centri sportivi, piscine e centri natatori;

2. soggetti che gestiscono teatri, sale da concerto, sale cinematografiche, ivi compresi i servizi di biglietteria e le attività di supporto alle rappresentazioni artistiche, nonché discoteche, sale da ballo, night-club, sale gioco e biliardi;

3. soggetti che gestiscono ricevitorie del lotto, lotterie, scommesse, ivi compresa la gestione di macchine e apparecchi correlati;

4. soggetti che organizzano corsi, fiere ed eventi, ivi compresi quelli di carattere artistico, culturale, ludico, sportivo e religioso;

5. soggetti che gestiscono attività di ristorazione, gelaterie, pasticcerie, bar e pub;

6. soggetti che gestiscono musei, biblioteche, archivi, luoghi e monumenti storici e attrazioni simili, nonché orti botanici, giardini zoologici e riserve naturali;

7. soggetti che gestiscono asili nido e servizi di assistenza diurna per minori disabili, servizi educativi per l’infanzia e servizi didattici di primo e secondo grado, scuole di vela, di navigazione, di volo, che rilasciano brevetti o patenti commerciali, scuole di guida professionale per autisti;

8. soggetti che svolgono attività di assistenza sociale non residenziale per anziani e disabili;

9. aziende termali di cui alla legge 24 ottobre 2000, n. 323, e centri per il benessere fisico;

10. soggetti che gestiscono parchi divertimento o parchi tematici;

11. soggetti che gestiscono stazioni di autobus, ferroviarie, metropolitane, marittime o aeroportuali;

12. soggetti che gestiscono servizi di trasporto passeggeri terrestre, aereo, marittimo fluviale, lacuale e lagunare, ivi compresa la gestione di funicolari, funivie, cabinovie, 2/3 seggiovie e ski-lift;

13. soggetti che gestiscono servizi di noleggio di mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale, lacuale e lagunare;

14. soggetti che gestiscono servizi di noleggio di attrezzature sportive e ricreative ovvero di strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli;

15. soggetti che svolgono attività di guida e assistenza turistica.

Altri articolitorna alla home

INDENNITA’ PER EMERGENZA COVID-19 – Categorie interessate e modalità tramite Associazione

INDENNITA’ PER EMERGENZA COVID-19 – Categorie interessate e modalità tramite Associazione

Come saprete, il Dl 18 del 17 marzo 2020, a previsto una specifica indennità di € 600,00 una tantum per le seguenti categorie di lavoratori: • liberi professionisti titolari di partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 iscritti in Gestione Separata; • lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla

INDICAZIONI IN MATERIA  DI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER FAR FRONTE ALLA SOSPENSIONE O RIDUZIONE ATTIVITA’ LAVORATIVA

INDICAZIONI IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI PER FAR FRONTE ALLA SOSPENSIONE O RIDUZIONE ATTIVITA’ LAVORATIVA

La presente per fare chiarezza circa l’accesso agli ammortizzatori sociali, comunemente chiamati dalla televisione “cassa integrazione” al fine di fornire alle aziende e ai propri dipendenti alcune indicazioni alla luce dei dati conosciuti alla data del 01 aprile 2020. Tutte le domande possono essere presentate solo per dipendenti in forza alla data del 23 febbraio 2020. Da

CHIARIMENTI IN MERITO AL BONUS 600 EURO – COVID-19

CHIARIMENTI IN MERITO AL BONUS 600 EURO – COVID-19

In riferimento alle modalità di presentazione dell’INDENNITA’ COVID 19 (indennità 600 Euro), il messaggio INPS 1381 di ieri 26 marzo, ha specificato SOLO le modalità per richiedere il proprio Pin personale in modo semplificato.  Per le modalità invece di presentazione delle richieste vere e proprie, già nel messaggio 1288 dello scorso 20 marzo l’istituto, chiarisce che la presentazione delle

Modifiche al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020 – PRECISAZIONI SU ATTIVITA’ LAVORATIVA

Modifiche al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo 2020 – PRECISAZIONI SU ATTIVITA’ LAVORATIVA

Il Decreto Ministeriale emanato il 25 marzo, dal Ministero dello Sviluppo Economico, ridefinisce e aggiorna l’elenco della attività che possono rimanere aperte, rispetto a quanto già stabilito dal D.P.C.M. del 22/03/2020. Le imprese le cui attività sono sospese per effetto di questo nuovo decreto possono completare le attività necessarie alla sospensione entro il 28 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza. Le

COMUNICAZIONE CASSA EDILE SIENA – Misure a sostegno per emergenza COVID-19

COMUNICAZIONE CASSA EDILE SIENA – Misure a sostegno per emergenza COVID-19

LA CASSA EDILE DI SIENA HA INFORMATO ATTRAVERSO UNA CIRCOLARE, LE VARIE MISURE APPRONTATE PER QUESTA EMERGENZA SANITARIA CHE STA ATTRAVERSANDO IL NS. PAESE. DI SEGUITO RIPORTIAMO IL TESTO DELLA CIRCOLARE Si informa che in data 23 Marzo le parti sociali alla luce dell’emergenza COVID – 19 hanno stipulato un accordo contenente misure rivolte a

leggi tutto
Confartigianato Siena - Via dell’Artigianato, 2 - 53100 SIENA - C.F.: 80002900522

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi